mercoledì 16 marzo 2011

150 anni d'Italia: oasi WWF ad ingresso gratuito

E così l'Italia fa 150 anni! Buon compleanno paese nostro! Un po' bistrattato in fondo, quasi sull'orlo del tracollo, ma domani no, domani si festeggia. 
Le manifestazioni non si sprecano, c'è l'imbarazzo della scelta tra celebrazioni, spettacoli e concerti. 
Ma da amante della natura come sono voglio segnalare quella che secondo me è l'iniziativa migliore: il WWF apre le porte delle sue oasi gratuitamente. 
Da Nord a sud, lungo tutto lo stivale, 13 oasi potranno essere visitate con possibilità di seguire visite guidate e letture informative. "Il verde della macchia mediterranea nell'Oasi di Monte Arcosu, il bianco dell'airone nella laguna di Orbetello, il rosso del tramonto con i fenicotteri nell'Oasi di Burano saranno la bandiera ideale che accompagnerà questa giornata speciale." 
Ci saranno escursioni notturne alla luce della Luna, guidati dal canto del barbagianni e della civetta, e dai passi felpati della volpe. Oppure la reintroduzione in libertà di uccelli rapaci, trovati feriti e curati nelle oasi. Ci saranno buffet a chilometro zero e classi di scienze con l' osservazione al microscopio e stereoscopio di animali e piante. 
Insomma, un modo per ricordarsi che l'Italia non è fatta solo di cemento, negozi e vita frenetica. La natura ci culla ancora, amorevole, desiderosa di essere riscoperta ed apprezzata. 
E visto quello che è successo in Giappone forse è meglio non farla arrabbiare.  
Rispettiamola.
Amiamola.
http://wwf.it/client/ricerca.aspx?root=27389&parent=21769&content=1

2 commenti:

  1. Che bella iniziativa!
    E' molto più significativa di fanfare e cortei accompagnati dallo shopping sfrenato per i gadget tricolori dei quali, tra una settimana, nessuno saprà più cosa fare e si chiederà perché li ha comprati.

    RispondiElimina
  2. Il tuo scritto mi è molto piaciuto.
    condivido in particolare che stare a contatto con la natura, grazie alle iniziative del wwf, sia il modo migliore di festeggiare questo evento!
    Laura Bernardini.

    RispondiElimina

Condividi

Share |